Sviluppo personale

Gli obiettivi del linguaggio inconscio

By 30 Dicembre 2020 Gennaio 15th, 2021 No Comments

Ed eccoci qui, a tirare le somme di questo 2020 e ad immaginare, impostare, pianificare il futuro 2021.

Come sono andate le cose?

Bah la pandemia, la quarantena, il covid, l’estate senza estate, il Natale senza Natale, i familiari visti con il contagocce, il coprifuoco, si potrebbe dire che sia stato un anno di kakòs…dal greco.. maligno, cattivo, brutto. Ma proviamo a fare un gioco, proviamo a focalizzarci sugli aspetti che in questo anno si sono presentati in modo positivo. La gioia delle piccole cose, la riscoperta di un hobby o di una passione dimenticata, lo sbocciare di un nuovo amore o la riscoperta di uno passato, la gioia della formazione, i webinar, le dirette, la riscoperta dell’importanza delle relazioni vere e pure.

E se pensiamo al prossimo anno, a cosa ci aspetterà nel 2021, quali sono le emozioni che pervadono il nostro corpo e la nostra mente?

Quali sono i nostri obiettivi? Cosa vogliamo raggiungere e quali nostri desideri vogliamo esaudire? Utilizziamo il metodo SMARTEST, che si basa sulla  formulazione dell’obiettivo “ben formato” della PNL e la teoria degli obiettivi SMART.  In questo articolo ci focalizzeremo su alcuni aspetti:


Fondamentale da soddisfare è la definizione di obiettivi raggiungibili e reali. Gli obiettivi devono essere definiti nel linguaggio del nostro inconscio, essendo quest’ultimo una potente macchina evolutiva, necessita di informazioni specifiche, deve essere ragionato al presente e senza negazioni.

Le formule come “il prossimo anno non desidero più essere povero” o “voglio smettere di fumare” o “voglio essere più magro”, non soddisfano la condizione positiva che il nostro inconscio necessita, e non specificano in modo esaustivo il “cosa” e il “come”. Dunque, un obiettivo per essere riconosciuto dal nostro inconscio necessita della seguente formula “Oggi 1 Gennaio 2021 ho perso 1 kg” frase da inserire sulla linea del tempo alias calendario.


La definizione di obiettivi efficaci si basa sul sentire, sulla definizione sensoriale visiva, uditiva e cinestetica. Per far sì che si realizzi è importante visualizzarlo, ascoltarlo, percepirlo nel corpo, in questo modo lo si rende motivante. Lo si vede, lo si immagina, si aumenta o diminuisce il suono, si immagina la reazione che il nostro obiettivo, una volta raggiunto, conferirà al proprio corpo, che emozione si prova e dove la si prova.

Tornando all’esempio precedente diventerà: “Oggi 1 Gennaio 2021 ho perso 1 kg. Vedo il risultato sulla mia bilancia, sento di avercela fatta, provo una sensazione di sollievo nel mio petto”. In questo modo, attraverso la visualizzazione, aumenterà la motivazione inconscia e l’obiettivo sarà più facile da raggiungere.


Per garantirsi il raggiungimento di un obiettivo è importante analizzare il proprio stato attuale, ovvero dove ci si trova rispetto a dove si vuole arrivare, quali sono le competenze da sviluppare per fare in modo che il raggiungimento del traguardo non diventi una sfida insormontabile, definire una procedura ben dettagliata, garantendosi così una linea di confine che ci faccia capire che l’obiettivo è stato raggiunto e aggiungere l’obiettivo su una linea del tempo.


Altro aspetto che può fare la differenza sull’efficacia è l’ecologia. L’obiettivo che ci si propone deve essere in accordo con il mondo circostante, non deve andare in conflitto e se ciò accade è necessario prima di tutto soffermarsi e risolvere il conflitto.

L’ecologia è importante perché risponde alla domanda: a chi altro porterà vantaggio il raggiungimento di questo mio obiettivo? Quali saranno i vantaggi per gli altri? Quali gli svantaggi? Chi potrebbe essere  in disaccordo con questo mio obiettivo? Anche le convinzioni più profonde non trovano la propria realizzazione quando in fondo a sé stesse sanno che potrebbero provocare dolore a chi si vuole bene oppure se vanno in contrasto con un’altra convinzione interiore.


L’inconscio possiede un suo specifico linguaggio che richiede coerenza e concretezza. Gli obiettivi per essere realizzati necessitano quindi di seguire regole che devono essere rispettate non basta la volontà. Buona definizione di obiettivi per il 2021!  

 Per compiere grandi passi, non dobbiamo solo agire, ma anche sognare, non solo pianificare, ma anche credere.“ (Anatole France)

Contributo a cura delle dott.sse Chiara Volpicelli e Debora Manfredi, 30 dicembre 2020.


Se quello che hai letto ti risuona dentro, se riconosci comportamenti/pensieri che ti sono familiari o che vedi agire, 
chiedi un appuntamento con i nostri consulenti attraverso la sezione Contatti 
e/o segui le nostre attività attraverso i canali facebook, instagram, linkedin, youtube.